REDDITO DI DIGNITA’: Come funziona, chi sono i beneficiari, come presentare la domanda di accesso ai benefici

Prima di giugno sarà difficile intascare il reddito di dignità. Dopo l’approvazione da parte del consiglio regionale della legge che istituisce ReD (Reddito di Dignità), adesso la Regione “entro sessanta giorni” deve scrivere il regolamento per stabilire, innanzi tutto, le “modalità di erogazione”. Passato il mese di aprile, sarà possibile mettere in moto la macchina politico-burocratica che dovrà essere allestita per il “contrasto alle povertà “.
La misura nasce dall’ obiettivo della Strategia Europa 2020, che è quello di ridurre di 20 milioni il numero delle persone a rischio di povertà o di esclusione sociale residenti in Europa. A tale obiettivo è chiamata a concorrere anche la Puglia con il proprio POR Puglia 2014-2020.
Attuazione: L’intervento sarà attuato mediante una “procedura a sportello” quindi fino ad esaurimento dei fondi disponibili. (chi prima arriva, meglio alloggia)
I beneficiari: Possono percepire il Red tutti quelli che risiedono “da almeno dodici mesi” in Puglia. Sono inclusi anche gli extracomunitari residenti in Puglia o che possano dimostrare la propria dimora abituale nel territorio regionale. I richiedenti dovranno avere un reddito (Isee) familiare che non superi i 3mila euro. Per ciascun nucleo familiare è ammissibile una sola domanda di accesso al beneficio economico.
Le domande: Potranno essere compilate on line o con l’aiuto, gratuito, di patronati e centri di assistenza fiscale (Caf). La procedura sarà completamente dematerializzata mediante l’utilizzo di una piattaforma informatica.
Gli elenchi: Gli uffici comunali pubblicheranno la graduatoria dei richiedenti e il catalogo dei tirocini formativi proposti da amministrazioni pubbliche, associazioni, enti del Terzo settore, parrocchie, imprese. Sempre i municipi d’intesa con la guardia di finanza e le altre forze di polizia, verificheranno a campione che le autocertificazioni non siano false.
Il patto: Perché possa essere riscosso il Red, dovrà essere sottoscritto un “patto per l’inserimento lavorativo “.
Sospensione o revoca del beneficio:
L’erogazione è sospesa nei seguenti casi:
  • Malattia oltre i 10 giorni
  • Assunzione a tempo determinato per periodi inferiori a 6 mesi
  • Allontanamento dal luogo di residenza per periodi superiori a trenta giorni
  • assenza ingiustificata dal luogo del tirocinio superiore a tre giorni
L’erogazione è revocata nei seguenti casi:
  • Mancata sottoscrizione del “patto” entro il primo bimestre
  • Mancato rispetto del “patto”
  • Mancata comunicazione di ogni variazione della situazione lavorativa, familiare o patrimoniale
  • Mancata frequenza dei corsi formativi individuati come integranti del patto
  • Assunzione per periodi superiori a sei mesi
Nel periodo di erogazione sarà attivo un monitoraggio periodico, in relazione al quale la Giunta Regionale individua ulteriori cause di sospensione e revoca.
I compensi: L’ammontare mensile del Red è pari a 600 euro per una famiglia di cinque persone. I single potranno percepire 210 euro. “Le prestazioni economiche non sono cumulabili con altri trattamenti di sostegno al reddito, compresi gli ammortizzatori sociali e i trattamenti previdenziali“. La durata del “contributo monetario” è di dodici mesi. Il beneficiato potrà rientrare nel giro “dopo un periodo di sospensione “, destinato a essere definito con il regolamento che l’esecutivo deve predisporre ad aprile.
I controlli: Il monitoraggio del Red sarà affidato al “tavolo di partenariato socioeconomico”, cui partecipano le organizzazioni sindacali, quelle datoriali, il Forum del terzo settore. Alla fine del primo anno, la giunta presenterà al consiglio regionale una relazione per “evidenziare le eventuali criticità e rendicontare l’impiego delle risorse”
Cosa facciamo noi: A tutti gli interessati, forniamo GRATUITAMENTE: l’attestazione ISEE e provvediamo a contattare tutti gli interessati non appena verrà attivata la procedura informatica per la presentazione GRATUITA delle domande di accesso ai benefici.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.